Quando si aspetta, si aspetta da soli

Prima delle feste c’è silenzio, i libri impilati, e le stanze vuote. Le speranze non sono né infrante né realizzate, per questo si ama l’attesa. L’attesa è: il cielo estivo gonfio, il cuore gonfio, la sera che sta per calare, la birra ghiacciata che si avvicina, la tua mano che si avvicina, la tua bocca, le previsioni del tempo. L’attimo in cui mi dici: dobbiamo parlare. L’attimo in cui mi dici: ci vediamo stasera? L’attimo in cui mi hai detto che. Da Leopardi al Campari. Tu capiresti. Non hai un volto, non l’avrai nemmeno stasera. Un silenzio forzato è un comunque silenzio? L’attesa è femmina e solitaria.

Advertisements
Quando si aspetta, si aspetta da soli

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s